Estrattore di succo con il miglior rapporto qualità prezzo

Estrattore di succo con il miglior rapporto qualità prezzo

1
Imetec Succovivo Pro 2000, Estrattore di Succo, Spremitura a Freddo 48 Giri/Min, 100% Vitamine, Filtro per Succhi, Filtro Succhi con Fibre, Cestello per Sorbetti, Ricettario

Marchio: Imetec

Imetec Succovivo Pro 2000, Estrattore di Succo, Spremitura a Freddo 48 Giri/Min, 100% Vitamine, Filtro per Succhi, Filtro Succhi con Fibre, Cestello per Sorbetti, Ricettario

Marchio: Imetec

Leggi la nostra recensione

Imetec Succovivo Pro 2000 è un estrattore di succo a freddo di tipo verticale di natura professionale, ma indicato per un uso domestico. Ha un motore potente da 300 Watt e una lentezza di rotazione ottimale di 48 giri al minuto, parametri che assicurano grande capacità nella conservazione di tutti gli elementi nutritivi presenti nella frutta e nella verdura.

Leggi la nostra recensione completa

Leggi la descrizione completa su Amazon

Giri/minuto
9.5
Funzionalità
9
Versatilità
9
Prezzo
7.5
2
Panasonic MJ-L500 Slow Juicer Sistema di Estrazione, Senza Lame, Acciaio

Marchio: Panasonic

Panasonic MJ-L500 Slow Juicer Sistema di Estrazione, Senza Lame, Acciaio

Marchio: Panasonic

Leggi la nostra recensione

L'estrattore di succo Panasonic Slow Juicer MJ-L500 è risultato essere il migliore della sua categoria. Ha il una rotazione lenta di 45 giri al minuto, un prezzo nella media, spesso più basso per via delle offerte su Amazon, e permette di estrarre il succo dalla frutta congelata, funzione che molti altri apparecchi non hanno. I materiali sono ottimi.

Leggi la nostra recensione completa

Leggi la descrizione completa su Amazon

Giri/minuto
9
Funzionalità
9
Versatilità
9
Prezzo
8
3
H.Koenig Estrattore di succo verticale GSX12 in acciaio inox, succo di frutta e verdura, slow juicer spremitura lenta 60 giri al min, senza BPA, apertura 82 mm, pressione delicata, 1 litro, 400 W

Marchio: h.koenig

H.Koenig Estrattore di succo verticale GSX12 in acciaio inox, succo di frutta e verdura, slow juicer spremitura lenta 60 giri al min, senza BPA, apertura 82 mm, pressione delicata, 1 litro, 400 W

Marchio: h.koenig

Leggi la nostra recensione

L'estrattore di succo H. Koenig GSX12 è stato valutato come uno dei migliori della sua categoria, grazie ad un prezzo medio e ad ottimi materiali costruttivi, anche per le parti che vengono in contatto con il cibo. Ha un motore potente e gira lentamente, a 55 giri al minuto, consentendo il mantenimento degli elementi nutritivi. Ingombra in verticale, con un'altezza di 48,7 cm che potrebbe non consentire di tenerlo, montato, tra il piano cucina e gli scaffali. Un'altra pecca potrebbe essere la disponibilità di ricambi, certo più difficili da ottenere rispetto a marche più conosciute o a marche italiane.

Leggi la nostra recensione completa

Leggi la descrizione completa su Amazon

Giri/minuto
8.5
Funzionalità
9
Versatilità
8
Prezzo
10
4
Petra FG 20.07 Slow Juicer

Marchio: Petra

Petra FG 20.07 Slow Juicer

Marchio: Petra

Leggi la nostra recensione

Prodotto dalla marca tedesca Petra, l'estrattore di succo Petra FG 20.07 è l'unico estrattore orizzontale che abbiamo recensito, per ora. Ci piace il fatto che sia poco ingombrante in verticale, rispetto a tutti i concorrenti, e ci piace ancor di più il prezzo, che si attesta nella fascia più bassa. In quanto a tecnologia, questo apparecchio è rimasto un po' indietro, ruotando a 80 giri al minuto quando oggi, normalmente, lo standard è di 60. Questo non significa che non faccia il suo lavoro egregiamente. Si segnala che, purtroppo, trovare i ricambi non è facile.

Leggi la nostra recensione completa

Leggi la descrizione completa su Amazon

Giri/minuto
7
Funzionalità
8
Versatilità
9
Prezzo
7.5

Kenwood JMP601SI PureJuice Estrattore di Succo a Freddo, Centrifuga Slow Juicer con Accessorio Sorbetto, 150 W, 1.3 Litri, Plastica, Argento Per chiunque adori la frutta individuare un estrattore di succo con il miglior rapporto qualità prezzo è una priorità, quando si appresta ad acquistare un dispositivo di questo genere. Far coniugare l’alimentazione corretta con i tempi piuttosto ristretti, tipici della vita moderna, non è facile. Tanto più se, in fase di acquisto, il budget a disposizione non è illimitato.

Gli estrattori di succo sono elettrodomestici relativamente nuovi nell'ambito della cucina. Se le prime centrifughe, giunte sul mercato molti anni or sono, erano costose e difficili da pulire, al giorno d’oggi la situazione è ben diversa. Attualmente infatti, l’estrattore di succo è il re di questo settore e si presenta come un prodotto gestibile da tutti.

Ma di cosa si tratta realmente? L’estrattore in questione è un attrezzo che sottopone a pressione la frutta e la verdura. In questo processo comprime la materia attraverso un filtro. Da tale lavorazione si separa il succo e parti fibrose. Il risultato dunque è assimilabile con estrema facilità e aiuta notevolmente nel mantenere una dieta sana e corretta.

La salute prima di tutto. Gli estrattori sono elettrodomestici che favoriscono una sana alimentazione, consentendo di poter attingere alle vitamine e alle altre sostanze benefiche della frutta e della verdura in maniera pratica e rapida.

Un centrifugato è molto più immediato da assumere rispetto alla cottura ma anche al semplice mangiare un frutto. Non vi è necessità di sbucciare o di effettuare altre operazioni complicate. Basta semplicemente inserire la frutta o la verdura nell’estrattore e limitarsi a raccogliere la polpa così prodotta. Il risultato di questa lavorazione è infatti un bicchiere di polpa di frutta (o verdura) ricca di sostanze attive, senza perdere i suoi valori nutrizionali che, ad esempio cuocendo, andrebbero dispersi. Ciò consente anche di combinare più frutta e/o verdure, creando bevande personalizzate capaci di fornire nutrimento completo al fisico.

I dispositivi moderni inoltre, sono anche molto facili da gestire e da pulire. Rispetto alle prime centrifughe infatti, gli elettrodomestici attuali sono tecnologicamente avanzati e consentono una gestione rapida e all’insegna della più assoluta pulizia. Fattori che rendono ancora più semplice e conveniente preparare i centrifugati quotidianamente.

Non basta la cottura? In realtà, per molto verdure, passare tramite una preparazione del piatto con temperature elevate significa perdere buona parte delle sostanze nutrienti. Se la fase della cottura rende più digeribili certi alimenti, in alcuni casi va a disperdere le proprietà di alcune tipologie di cibo. Sono numerosi gli ortaggi che, una volta cotti, dissolvono le loro peculiarità e passano nel nostro organismo semplicemente come fibra. Per questo motivo, soprattutto nei regimi alimentari più rigidi, è consigliato assimilare centrifugati di verdure.

Sottoporre le verdure al calore prolungato della cottura, vanifica l’apporto delle vitamine contenute. A meno che non si tratti di cotture molto brevi, a temperature basse, o non si tratti di minestre (nel cui caso le sostanze rimangono comunque nel brodo di risulta che poi viene ingerito), avremo sprecato tanta ricchezza che la natura ci dispensa attraverso i vegetali.

Esiste la soluzione della cottura a vapore, che impedendo un contatto con l’acqua bollente va quasi ad annullare la perdita di vitamine da parte della verdura trattata. Inutile ricordare però, che le verdure preparate a vapore non hanno un sapore particolarmente apprezzato da tutti e che non tutti sanno come cucinare alimenti con questo metodo. Non solo: una cottura prolungata a vapore, può comunque andare a influenzare negativamente sulla struttura molecolare della verdura, recando quindi ugualmente un danno all'alimento di cui intendiamo nutrirci e, comunque, tale preparazione necessita di apposita strumentazione, diversa dalle classiche pentole e padelle che troviamo normalmente nelle nostre cucine.

Per quanto riguarda la frutta, la perdita di sostanze in cottura è leggermente inferiore. La presenza massiccia di zucchero infatti, non consente all’alimento di sfaldarsi e di perdere tutte le parti utili e nutrienti, anche se sottoposto a temperature medio-alte. Anzi, in alcuni casi gli zuccheri, non sempre graditi a seconda della dieta che si intende effettuare, vanno dispersi e finiscono nell’acqua di cottura. Purtroppo perderemo anche parte degli antiossidanti e dei minerali di cui abbiamo una necessità quotidiana. Sicuramente la frutta cotta è molto più digeribile, tanto è vero che fa parte del menù dei post operati, ma anche in questo caso, andremo a sperperare una risorsa che, per il nostro organismo, è essenziale. Anche il gusto verrà modificato e non a tutti i palati sarà gradito il sapore, ma questa è una valutazione soggettiva.

Nonostante i moderni estrattori di succo a freddo siano prodotti ormai molto comuni, i loro prezzi non sono sicuramente bassi. Ciò dipende dai materiali utilizzati per realizzare questo tipo di elettrodomestico che, essendo a contatto diretto con gli alimenti, ha bisogno di essere costituito da prodotti particolari in grado di non rilasciare sostanze nocive.

Generalmente gli estrattori hanno una forbice di prezzo che varia da poco più di 100 euro sino a svariate centinaia. Oltre ai materiali di costruzione, anche le funzioni e le caratteristiche sono tra le motivazioni che differenziano il costo di tali prodotti presenti sul mercato . Di seguito tratteremo una serie di elettrodomestici tra cui scegliere l’estrattore di succo con quello che riteniamo il miglior rapporto qualità prezzo (a seconda anche delle proprie esigenze).

Se nella scelta dell’estrattore di succo con il miglior rapporto qualità prezzo, quest’ultimo parametro ha una predominanza, H. Koenig GSX12 è da tenere in alta considerazione. Si tratta di uno dei prodotti più economici del settore, con un prezzo inferiore ai 90 euro, pur confermandosi discretamente valido. I materiali con cui è realizzato questo modello sono, in virtù del prezzo, decisamente buoni e negli standard richiesti dall’Unione Europea.

Il potente motore da 400 Watt lavora a 55 giri al minuto, mantenendo dunque le proprietà nutritive di verdure e frutta che vengono trattate. Il tutto estraendo il 30% di succo in più rispetto alla media degli estrattori e contemporaneamente salvaguardando anche le vitamine contenute negli alimenti (grazie a un contenitore che raccoglie quanta più polpa possibile).

Di contro vi è un design che potremmo considerare leggermente ingombrante, con un’altezza che sfiora i 50 centimetri e che può rendere difficile una collocazione nell’ambiente della cucina. Anche per quanto riguarda eventuali ricambi, individuare la componentistica per le sostituzioni sembra non essere facile come con altri modelli della lista e questa è una considerazione che non ci sentiamo di sottovalutare, anche se l’usura o la sostituzione di parti, sono eventi che riteniamo abbastanza inconsueti.

Se il budget non è un grosso problema, si può invece optare su Panasonic Slow Juicer MJ-L500, disponibile sugli store online a un prezzo inferiore ai 230 euro. Forte di un motore a rotazione lenta (45 giri al minuto), qualità che consente di non surriscaldare il prodotto, mantenendo inalterate in questo modo, tutte le proprietà organolettiche, gli antiossidanti, i minerali, oltre le vitamine, e con un costo che si assesta nella media del settore, si tratta di una scelta che possiamo immaginare, vada a coprire e a trovare il consenso della maggior parte degli utenti.

I componenti con cui è stato realizzato questo utensile sono di alta qualità, così come è di alto livello il lavoro svolto dall’ elettrodomestico. Panasonic Slow Juicer MJ-L500 si è dimostrato come un apparecchio silenzioso e facile da pulire, anche grazie alla massiccia presenza di un metallo resistente ed igienico, come l’acciaio inossidabile. Da segnalare anche la possibilità di agire direttamente sulla frutta congelata, una funzione davvero interessante ed estremamente rara per prodotti di questo settore.

Con i suoi 299 euro di prezzo di listino, Imetec Succovivo Pro 2000 è l’estrattore di succo più oneroso di questa lista. Come spesso succede però, si tratta di un dispositivo che vale comunque tutto il denaro che costa.

Oltre a una componentistica di alto livello, il motore da 300 Watt con rotazione a 48 giri al minuto garantisce un’ottima prestazione, sia che si tratti di spremere frutta o di verdura. Costituito in gran parte di acciaio inossidabile, questo estrattore di succo presenta una misure compatte e pesa 7,6 chili. Il design curato lo rende particolarmente adatto a qualunque tipo di cucina che la arricchisce anche esteticamente. Assolutamente da tenere sotto controllo nel periodo dei saldi!

Nella lista per l’estrattore di succo con il miglior rapporto qualità prezzo, non può mancare un modello orizzontale come Petra FG 20.07 . Pur non essendo uno strumento particolarmente efficiente a livello di motore (si sale a 80 giri al minuto), presenta anche alcuni innegabili vantaggi.

Il design particolare lo rende infatti assolutamente poco ingombrante rispetto alla concorrenza (che spesso opta per prodotti verticali). Altro fattore da non sottovalutare è il prezzo che si assesta poco sotto i 120 euro. Per chi intende dunque usare un estrattore solo occasionalmente, Petra FG 20.07 può essere un valido aiuto in cucina. Se invece si intende avere uno strumento da utilizzare più frequentemente, forse è meglio virare su altri prodotti presenti in questa lista.

. . .
. . .

0 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà reso pubblico. Tutti i campi sono obbligatori.