Miglior barbecue a carbone del 2024 - 11 modelli in offerta

Barbecue a carbone - Guida alla scelta

1
Weber Original Kettle Barbecue a Carbone, Ø 57 cm, Nero (14101053)

Marchio: Weber

Weber Original Kettle Barbecue a Carbone, Ø 57 cm, Nero (14101053)

Marchio: Weber

Leggi la nostra recensione

Weber E-5710 non è sicuramente un barbecue a carbone tra i più economici ma, nonostante ciò, è uno dei più convincenti. La struttura è solida ma al contempo facile da trasportare, grazie alle due ampie ruote. La qualità dei materiali sbaraglia la maggior parte della concorrenza, sia per quanto riguarda la struttura in sé, sia per quanto concerne la griglia di cottura. Di fatto, scegliere questo modello, significa assicurarsi uno dei prodotti al top dell’intero settore.

Leggi la nostra recensione completa

Leggi la descrizione completa su Amazon

Superficie
8.5
Griglia
9
Funzioni
9
Prezzo
7.5
2
Weber Compact Kettle Barbecue a Carbone, Ø 57 cm, Nero (1321004)

Marchio: Weber

Weber Compact Kettle Barbecue a Carbone, Ø 57 cm, Nero (1321004)

Marchio: Weber

Leggi la nostra recensione

Weber 1321004 è il barbecue a carbone definitivo per chi vuole cucinare sul proprio balcone. Facile da dislocare ed elegante, ma al contempo realizzato con i migliori materiali, questo articolo è forse il migliore sul mercato per quanto riguarda la fascia media di prezzo.

Leggi la nostra recensione completa

Leggi la descrizione completa su Amazon

Spazio cottura
7.5
Griglia
7.5
Altre funzioni
7
Prezzo
8.5
3
Weber 14501004 - Barbecue a Carbone Master Touch 57 Nero GBS

Marchio: Weber

Weber 14501004 - Barbecue a Carbone Master Touch 57 Nero GBS

Marchio: Weber

Leggi la nostra recensione

Weber Master Touch 14501004 è il miglior barbecue a carbone per uso familiare attualmente sul mercato. Dagli spostamenti, alla cottura sino alla pulizia: tutto è assolutamente perfetto. Il suo costo elevato viene ripagato da una qualità che non ha assolutamente eguali in questo settore.

Leggi la nostra recensione completa

Leggi la descrizione completa su Amazon

Spazio cottura
7.5
Griglia
8
Altre funzioni
7.5
Prezzo
5.5
4
Weber Go-Anywhere Barbecue a Carbone, portatile, 42 x 26 cm, Nero (1131004)

Marchio: Weber

Weber Go-Anywhere Barbecue a Carbone, portatile, 42 x 26 cm, Nero (1131004)

Marchio: Weber

Leggi la nostra recensione

Weber Go Anywhere 1131004 è il barbecue a carbone ideale per chi necessita di un modello portatile, capace comunque anche di garantire un’ottima qualità nei materiali. Lo scotto da pagare per le dimensioni ridotte, è una base di cottura piuttosto esigua, che soddisfa solo grigliate con pochi commensali. Altro piccolo difetto è il costo, considerato da alcuni utenti un po’ troppo eccessivo rispetto alla qualità (seppur elevata) del prodotto in questione.

Leggi la nostra recensione completa

Leggi la descrizione completa su Amazon

Superficie
7.5
Griglia
9
Funzioni
8
Prezzo
9.5
5
Tepro Barbecue a carbonella Toronto Click antracite/acciaio inossidabile

Marchio: Tepro

Tepro Barbecue a carbonella Toronto Click antracite/acciaio inossidabile

Marchio: Tepro

Leggi la nostra recensione

Tepro Toronto Click 2019 è un prodotto dal design accattivante e dalla struttura solida. Questo barbecue a carbone risulta ottimo per chi si avvicina al settore e non vuole spendere una cifra troppo elevata con il suo primo grill.

Leggi la nostra recensione completa

Leggi la descrizione completa su Amazon

Spazio cottura
7
Griglia
6
Altre funzioni
6.5
Prezzo
8.5
6
DARDARUGA Barbecue Carbone e Carbonella, Griglia XXL Made in Italy, con affumicatore, vassoio braci regolabile in altezza e raccoglicenere - SMOKER BOX acciaio inox in REGALO per trucioli, chips, erbe

Marchio: DARDARUGA

DARDARUGA Barbecue Carbone e Carbonella, Griglia XXL Made in Italy, con affumicatore, vassoio braci regolabile in altezza e raccoglicenere - SMOKER BOX acciaio inox in REGALO per trucioli, chips, erbe

Marchio: DARDARUGA

Leggi la nostra recensione

Dardaruga BBQ è un barbecue a carbone decisamente superiore alla media, con un prezzo tutto sommato accettabile. Lo spazio di cottura, i materiali di costruzione e le tante funzioni extra, rendono questo prodotto uno tra i più ambiti di questo settore.

Leggi la nostra recensione completa

Leggi la descrizione completa su Amazon

Spazio cottura
7.5
Griglia
7
Altre funzioni
7
Prezzo
7.5
7
oneConcept Beefbutler - griglia a Carbone, griglia da Giardino, griglia Diretta e indiretta, 2 Ripiani in Legno, 4 Aperture di Ventilazione, Contenitore Rimovibile, Ruote per Trolley, Nero

Marchio: oneConcept

OneConcept Beefbutler - griglia a Carbone, griglia da Giardino, griglia Diretta e indiretta, 2 Ripiani in Legno, 4 Aperture di Ventilazione, Contenitore Rimovibile, Ruote per Trolley, Nero

Marchio: oneConcept

Leggi la nostra recensione

OneConcept Beefbutler è un barbecue spazioso e dal design essenziale. Grazie alle griglie spaziose e ai ripiani, sfrutta ottimamente lo spazio per facilitare le operazioni di cottura. Se si tralascia qualche piccolo difetto, si tratta di un prodotto di fascia media molto valido.

Leggi la nostra recensione completa

Leggi la descrizione completa su Amazon

Spazio cottura
7.5
Griglia
7
Altre funzioni
6.5
Prezzo
9
8
Tepro Griglia a Carbone Smoker Wichita, Nero, Area Grill: Circa 54 x 30 cm

Marchio: Tepro

Tepro Griglia a Carbone Smoker Wichita, Nero, Area Grill: Circa 54 x 30 cm

Marchio: Tepro

Leggi la nostra recensione

Il barbecue/affumicatore Tepro 1038 è uno strumento apprezzabile sotto diversi punti di vista, come sottolineato dalle tante recensioni positive. Al di là della doppia funzione infatti, questo modello offre un design curato e piacevole, il tutto condito da una qualità complessiva superiore alla media. Il barbecue, si rivela dunque adatto per grigliate con un numero contenuto di partecipanti e, nonostante qualche eventuale problema legato al trasporto, quanto offerto da Tepro risulta estremamente apprezzabile.

Leggi la nostra recensione completa

Leggi la descrizione completa su Amazon

Superficie
8
Griglia
8.5
Funzioni
10
Prezzo
8.5
9
Sochef G641415 Barbecue Gringo

Marchio: sochef

Sochef G641415 Barbecue Gringo

Marchio: sochef

Leggi la nostra recensione

Analizzando sochef G641415 Barbecue Gringo è possibile scoprire un prodotto funzionale, adatto anche alle tavolate più numerose. Al di là di qualche piccolo difetto, dovuto forse ad un imballaggio poco curato, si tratta di uno strumento estremamente funzionale e capace di svolgere perfettamente i suoi compiti.

Leggi la nostra recensione completa

Leggi la descrizione completa su Amazon

Spazio cottura
7.5
Griglia
7
Altre funzioni
6.5
Prezzo
7

Con l’arrivo della bella stagione, un bel barbecue a carbone può essere un utensile molto apprezzato da chi ha un ampio terrazzo o un giardino. Il piacere della carne o della verdura grigliata, con il sapore tipico del cibo cucinato sulla brace, sono un richiamo molto forte per tante persone e un momento di aggregazione a cui è difficile rinunciare quando si è invitati, appunto, ad un BBQ (come viene anche chiamato in gergo). Un classico esempio, è la rappresentazione che ne fanno i films americani, dove è considerato quasi un rituale e il cuoco il suo officiante..

Eppure, scegliere un barbecue non è così scontato: struttura, caratteristiche varie e prezzo, sono fattori determinati per individuare l’attrezzo consono alle necessità personali. Onde evitare di spendere soldi per un prodotto che non soddisfa le nostre esigenze, è bene procedere con grande attenzione, comprendendo appieno ciò che contraddistingue un ottimo barbecue a carbone da uno scadente.

In questa guida ci soffermeremo sulle singole caratteristiche di tali oggetti che, seppur apparentemente semplici, offrono tante peculiarità che possono influenzare o meno la nostra scelta. Naturalmente, vista la grande offerta sul mercato analizzeremo poi, anche singolarmente, i vari modelli per cercare di offrire una panoramica globale su cosa questo settore può proporci.

Pur trattandosi, a prima vista, di un oggetto molto semplice nella realizzazione e nei suoi componenti, in realtà i barbecue a carbone coprono una vasta gamma di proposte differenti tra loro. Nel corso dei decenni infatti, sono stati ideate diverse soluzioni atte a soddisfare qualunque tipo di esigenza di chi ama cucinare con questo strumento.

Basti pensare alla vastità di potenziali utenti: si va dalla coppia che, vuole passare una serata speciale sul proprio terrazzo, alla classica famiglia, sino ad un gruppo di amici che occupano letteralmente un giardino per una grigliata all’insegna dell’allegria. Proprio per questo motivo, sono offerti agli utenti diversi formati e strutture. Oltre ai barbecue tradizionali esistono alcuni di forma sferica (particolarmente adatti per piccoli spazi come i terrazzini) oppure altri con un coperchio a stile forno. In quest’ultimo caso si tratta di barbecue a carbone senza fumo, dunque adatti in molti contesti.

Naturalmente dimensioni, materiali di costruzione e altre caratteristiche, tra cui non ultima il prezzo, vanno poi a definire la qualità e le peculiarità definitive di uno strumento che potrebbe incontrare la vostra approvazione. Andiamo dunque ad analizzare quali sono i principali parametri da tenere in considerazione per valutare l’acquisto o meno di un determinato modello di barbecue a carbone.

Inutile affermare che lo spazio di cottura è una caratteristica estremamente importante quando si tratta di barbecue, siano essi a carbone, gas o elettrici. Naturalmente questo parametro dipende anche molto dall’utilizzo che si ha intenzione di effettuare nel futuro. Per chi ha una famiglia particolarmente numerosa oppure è appassionato di grigliate in compagnia di tante persone, avere una postazione di cottura dalle misure limitate può essere un ostacolo notevole e una spesa effettuata in modo errato.

Di contro, chi cucina abitualmente per sé e per il proprio compagno/a non avrà bisogno di strumenti dalle dimensioni sproporzionate, valutando anche il risparmio che otterremo nel tempo, in quanto il combustibile necessario per mantenere la temperatura omogenea, sarà inferiore. A ciò però va anche aggiunta una analisi pragmatica che determina il costo: solitamente, lo spazio in più si paga. Risulta dunque necessario comprendere bene quale utilizzo si intende fare del barbecue e adattare il proprio acquisto di conseguenza. Esistono infatti modelli “da tavolo” e dunque piccolissimi, mentre ve ne sono altri che sono giganteschi e riservati all’ambito professionale (nonché spesso utilizzate in sagre ed eventi particolari). Altra stima del tutto personale, seppure di rilevanza relativa, è il design, in quanto per noi il barbecue si può considerare benissimo quale oggetto di arredo.

Il passo successivo, per chiunque voglia valutare la bontà o meno di un barbecue a carbone, è la griglia. In tal senso, esistono diverse opzioni comunemente disponibili come:

la ghisa, materiale solido e tradizionale per eccellenza, è ancora discretamente diffuso in questo settore. Seppur difficile da trattare in fase di pulizia, è l’ideale per quanto riguarda la gestione del calore. l’acciaio inox che, rispetto alle altre varianti, è più facile da pulire seppur risulti meno prestante quando si tratta di garantire una certa linearità delle temperature. Va tenuto anche conto del fatto che, l’acciaio inox cromato ha un costo inferiore, ma si deteriora con maggiore facilità rispetto all’ inox naturale.

il ferro battuto smaltato, pur essendo un materiale usato nei barbecue a carbone con i prezzi migliori, risulta la soluzione che riteniamo più difficile da pulire e più propenso al deterioramento rispetto a tutti gli altri.

Risulta logico che, con il progredire della tecnologia, i prodotti di questa categoria abbiano potuto giovare di alcuni optional a dir poco interessanti. Al di là delle pinze, dei forchettoni e di tutta l’utensileria che si sono inventate per agevolare la cottura e che troviamo eventualmente inclusi nei modelli proposti dalle varie case costruttrici, esistono anche alcune peculiarità molto particolari e con un effettivo valore aggiunto..

Se l’accensione automatica e il termometro interno, utilissimo per monitorare e gestire il processo di cottura dei nostri alimenti, sono strumenti utili alla causa, non mancano anche gli optional più raffinati. Il girarrosto, per esempio, è utile per favorire una cottura assolutamente uniforme. Polli, rollate, grossi pezzi di carne, sarebbero difficoltosi da cuocere adeguatamente, anche all’interno,se non con una rotazione lenta che non consenta di bruciare la parte esterna.

Anche la struttura esterna, seppure non viene a contatto col cibo e quindi non ne pregiudica il risultato, ha la sua rilevanza e di cui dobbiamo tenere conto. A questo proposito, non bisogna sottovalutare l’eventuale presenza di ruote. Grazie ad esse infatti, è possibile trasportare facilmente un barbecue in qualunque tipo di contesto (sia esso giardino o balcone).

Tutti i parametri sinora elencati contribuiscono al prezzo complessivo di un barbecue. Se ne deduce che i barbecue a carbone presentano prezzi con una vasta gamma di proposte. Genericamente si varia tra i 100 e i 400 euro, con modelli che spaziano dai mini barbecue da tavolo, sino a quelli più ampi, ricchi di funzioni e che strizzano l’occhio all’ambito professionale.

Naturalmente è possibile, con un po’ di attenzione, cogliere al volo le tante occasioni offerte dai principali store online. In tal senso Amazon è un vero e proprio punto di riferimento per il settore, visto che espone barbecue di tutte le tipologie possibili con periodici sconti estremamente interessanti.

Rispetto a prodotti simili, ma più avanzati, come i barbecue a gas o quelli elettrici, i modelli a carbone hanno un funzionamento molto più manuale. Nonostante ciò, per gli appassionati del settore, questa sorta di “rituale” per la preparazione del grill è molto apprezzata e, in molti casi, risulta un momento ottimo anche per scambiare quattro parole con gli altri partecipanti alla grigliata. Dentro di noi c’è quella atavica pulsione nel “governare” il fuoco e, gestire un barbecue, ci fa sentire un po come gli uomini primitivi. Un senso di piacere che difficilmente viene represso davanti alla possibilità di accenderlo.

In tal senso, dopo aver tolto il coperchio e la griglia di cottura, è possibile finalmente agire all’interno del barbecue. Naturalmente, se lo strumento è già stato utilizzato risulta necessario effettuare una rapida pulizia con la quale liberare la struttura da rimasugli di carbonella incombusta, cenere e residui di alimenti caduti precedentemente nella brace, che potrebbero dar luogo a fumi fastidiosi. Operazione che non poteva essere eseguita prima, a grill ancora caldo. A questo punto è possibile intervenire sulla presa d’aria, posta solitamente nella parte inferiore del nostro strumento ed indispensabile per mantenere regolare il flusso d’aria. Dunque si può passare alla preparazione degli appositi bricchetti o della carbonella per un'accensione semplice. La carbonella va raggruppata come a formare una piramide.

A questo punto è possibile accendere il fuoco alla base della piramide, utilizzando liquido infiammabile, quale il semplice alcool, ma è un’operazione che sconsigliamo “caldamente” onde evitare danni irreparabili alle cose e alle persone. Esistono in commercio delle tavolette a lenta combustione che possono sopperire tranquillamente e, soprattutto, senza fiammate improvvise. Si trovano in quasi tutti i supermercati, pertanto di facile reperimento. Si piazzano sotto la piramide di carbone, chiaramente con un angolo della tavoletta a portata dell’accendino e si appicca il fuoco. Una volta che la carbonella o i bricchetti hanno preso fuoco, è bene attendere circa un quarto d’ora, per assicurarsi che la brace sia pronta alla cottura. Tramite le pinze è dunque possibile agevolare la preparazione affinché la brace sia diffusa per rendere il calore più uniforme. Naturalmente poi, si può distribuire la carbonella diversamente a seconda di cosa e dove si vuole cucinare.

Avere uno spessore maggiore di carbonella sotto bistecche particolarmente spesse, per esempio, è consigliato per rendere più rapida la cottura. Nella preparazione dei pesci, invece, è preferibile utilizzare meno combustibile e, una volta che è al massimo del calore, spostare i tizzoni su tutto il bordo, ponendo l’alimento al centro. In questo modo la cottura (breve) risulterà perfetta. Una manovra, forse inutile, che molti di voi già conosceranno, ma non costa nulla ricordarla ed effettuarla, è il posizionamento della griglia qualche minuto prima di procedere a cucinare.

A proposito di bricchetti e carbonella: quale scegliere? Se i bricchetti sono più pratici in fase di accensione, la carbonella garantisce un gusto unico agli alimenti così preparati. Tutto sta nella scelta personale anche se, per godersi appieno un barbecue a carbone, la seconda scelta appare forse quella più consigliata. Va anche detto che si possono impiegare entrambi i tipi di combustibile, raccogliendo (seppur parzialmente) i vantaggi di entrambi.

Dunque, cosa differenzia io barbecue a carbone rispetto ai modelli a gas o ad energia elettrica? Al di là delle diversità tecnologiche (che sembrerebbero far propendere la scelta verso gli ultimi due), vi sono caratteristiche che rendono il modello a carbone ancora un degno rivale. I principali vantaggi per chi utilizza questo strumento sono:

  • Un costo decisamente inferiore rispetto ai barbecue a gas o elettrici. Vista la semplicità della struttura e la mancanza di componenti meccaniche o tecnologiche, questo tipo di oggetto presenta costi decisamente più contenuti.
  • Un gusto unico che, per molti esperti del settore, è assolutamente inimitabile. Se i modelli tecnologicamente avanzati offrono molti vantaggi relativi a rapidità e assenza di fumo, i cari vecchi barbecue a carbone propongono una cucina con sapori decisamente più intensi.
  • Sostituire la griglia è semplice e costa poco. Dunque il problema legato all’usura è molto meno sentito rispetto ad altri modelli. In tal senso, il rimpiazzo di questo componente può richiedere tempo per la ricerca e una somma maggiore di denaro.
Naturalmente non mancano gli svantaggi: in relazione ai modelli a carbone infatti, quelli moderni offrono diversi punti di forza. Il fumo, praticamente nullo, è quello più evidente. La pulizia, nei barbecue a gas o elettrici è poi decisamente più rapida. Inoltre, i tempi di accensione, sono solitamente inferiori.

I barbecue a carbone sono strumenti di cottura inimitabili. Nonostante siano disponibili sul mercato modelli tecnologicamente avanzati, i veri grigliatori prediligono ancora questo sistema che, come abbiamo già illustrato, garantisce una cottura dei cibi particolare, in quanto si può gestire la fonte di calore in tutta l’area del nostro barbecue ed in tempi diversi, spostando la brace a nostro piacimento. Quali sono le vostre esperienze con questi prodotti? Vi trovate bene con i modelli a carbone o preferite la comodità di barbecue a gas o elettrici? Fatecelo sapere nei commenti!

. . .
. . .

0 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà reso pubblico. Tutti i campi sono obbligatori.